Bagno in mansarda di ispirazione vintage

Bagno in mansarda: come sfruttare gli spazi

15 gennaio 2015 | Arredare con stile

Anziché lasciare lo spazio della mansarda ad uso deposito dove accantonare le attrezzature sportive, cambio di stagione o valigie, avete mai pensato che potreste realizzarvi un bagno?

Questo spazio ha un fascino intrinseco, è riservato, luminoso, “vicino al cielo” e non a caso era molto amato da pittori e poeti, i quali lo prediligevano per i loro studi. Oggi molte persone decidono di crearvi veri e propri appartamenti, la struttura tipica della mansarda permette di giocare con la luce creando suggestioni e atmosfere uniche.

Senza dubbio è un progetto non semplice da realizzare: prima di tutto occorre avere i permessi dal proprio comune di residenza, altra cosa fondamentale è che le tubature e gli scarichi siano raggiungibili. Per la disposizione dei sanitari e degli arredi valutate attentamente lo spazio a disposizione anche in altezza.

Proprio per le altezze variabili è sconsigliabile l’inserimento di una doccia, preferibile installare una vasca, magari sotto un lucernario così da godere a pieno del cielo durante un rilassante bagno.

Il lavandino dovrà essere posto sulla parete con altezza maggiore, in modo da poter stare in piedi comodamente. Per i mobili e i complementi cercate di sfruttare gli spazi nella parte spiovente del tetto, senza però comprometterne l’uso, quindi prediligere mobili bassi e con vani estraibili.

Per ricreare un ambiente stilisticamente legato agli anni ’70 è importante l’uso dei colori, spesso brillanti e combinati fra loro, dove i materiali e le superfici sono lucide. L’elemento dei fiori abbinato a segni e motivi grafici dal forte impatto visivo identificano questo periodo, e proprio per questo potreste scegliere il nostro lavabo Doppio Zero, la cui forma è particolarmente adatta. Prestate molta attenzione anche agli accessori che devono essere semplici ed essenziali e all’illuminazione, un’idea potrebbero essere la lampade Make-Up.